Malattia diverticolare e diverticolite

Cosa è ?

La malattia diverticolare e la diverticolite sono condizioni clinico patologiche  che colpiscono il colon.

diverticoli sono piccole tasche che si sviluppano per effetto di una maggiore pressione su alcuni punti deboli, cioè di minore resistenza, della parete del colon.

La maggior parte delle persone con diverticoli non manifesta alcun sintomo e sa di averli solo dopo aver effettuato una colonscopia oppure una TC dell’addome per altri motivi.

Quando il paziente non manifesta sintomi pur presentando dei diverticoli si parla di  diverticolosi.

Invece, quando la presenza dei diverticoli causa sintomi, come dolore addominale, si parla di malattia diverticolare.

Se i diverticoli si infiammano o si infettano, causando sintomi più gravi, si parla allora  di diverticolite.

Quali sono le cause ?

Non si conoscono esattamente le cause per cui alcune persone sviluppano i diverticoli, ma la loro insorgenza sembra essere legata all’età, alla dieta, allo stile di vita e alla genetica.

Età

Invecchiando, le pareti del colon si indeboliscono e la maggiore pressione che si sviluppa nel lume del colon può causare la formazione di diverticoli.

Circa il 70 % delle persone avrà dei diverticoli all’età di 80 anni.

Dieta e stile di vita

La scarsa assunzione di fibre è collegata allo sviluppo dei diverticoli. Le fibre aiutano a rendere le feci più morbide e più voluminose in modo che esercitino una minore pressione sulle pareti del colon.

Genetica

È più probabile che un paziente sviluppi i diverticoli se ha un parente stretto con malattia diverticolare, specialmente se ha sviluppato la malattia prima dei 50 anni.

Quali sono i sintomi della  malattia diverticolare e della diverticolite ?

I sintomi della malattia diverticolare includono:

dolore addominale, di solito localizzato  nei quadranti addominali inferiori

stipsi, diarrea o entrambi

rettorragia (sangue nelle feci)

Se i  diverticoli si infettano e si infiammano (diverticolite), possono comparire anche improvvisamente i seguenti sintomi:

dolore addominale costante e più intenso

febbre

diarrea o stipsi

mucorrea e rettorragia (muco e/o sangue nelle feci)

Quali sono i fattori di rischio per lo sviluppo della diverticolite ?

Invecchiamento: l’incidenza della diverticolite aumenta con l’età.

Obesità: il sovrappeso aumenta le probabilità di sviluppare la diverticolite.

Fumo: i fumatori hanno maggiori probabilità dei non fumatori di soffrire di diverticolite.

Sedentarietà: l’esercizio fisico  sembra ridurre il rischio di diverticolite.

Dieta ricca di grassi animali e povera di fibre: una dieta povera di fibre in combinazione con un elevato apporto di grassi animali sembra aumentare il rischio, sebbene il ruolo del solo basso contenuto di fibre non sia chiaro.

Alcuni farmaci: diversi farmaci sono associati a un aumentato rischio di diverticolite, inclusi steroidi, oppioidi e farmaci antinfiammatori non steroideie il naprossene.

Come è possibile diagnosticare la malattia ?

La presenza dei diverticoli può essere diagnosticata attraverso esami endoscopici come la colonscopia oppure attraverso esami radiologici come il clisma opaco o ancora meglio la colonscopia virtuale (TC del colon).

Nel sospetto di complicanze della malattia spesso si ricorre prima all’esecuzione di una ecografia dell’addome e successivamente ad una TC dell’addome.

Come curare la malattia ?

La cura della malattia diverticolare si basa principalmente sull’assunzione di una dieta corretta (abbondante quantita di fibre e almeno 2 litri di acqua al giorno) e sull’uso, solo se necessario, di farmaci antidolorifici e antibiotici in presenza di sintomi e/o complicanze della malattia.

Dieta

Si consiglia di seguire una  dieta ricca di fibre che può aiutare ad alleviare i sintomi della malattia e impedire lo sviluppo di diverticolite.

In generale, gli adulti dovrebbero assumere 30 g di fibre al giorno.

Buone fonti di fibre sono la frutta fresca e secca, le verdure, i legumi e i cereali.

Sono disponibili anche integratori di fibre, solitamente sotto forma di bustine in polvere da mescolare con l’acqua acquistabili direttamente i farmacia.

Il maggiore consumo di fibre può aumentare i disturbi intestinali soprattutto nelle prime settimane, per questo motivo, l’assunzione delle fibre va aumentato gradualmente insieme ad una maggiore introduzione di liquidi (almeno 2 litri di liquidi al giorno)

Incorso di diverticolite le fibre non vanno assunte perché potrebbero contribuire ha peggiorare la sintomatologia .

Farmaci

Il paracetamolo può essere utilizzato per alleviare il dolore.

Gli antibiotici vanno invece utilizzati solo dopo aver sentito il parere del medico.

I casi più gravi di diverticolite possono richiedere cure ospedaliere dove il paziente verrà idratato e nutrito per via endovenosa.

Quando bisogna ricorrere alla chirurgia ?

In rari casi, può essere necessario ricorrere a un intervento chirurgico per trattare le gravi complicanze della diverticolite.

Le complicanze più frequenti della diverticolite acuta sono l’ascesso (raccolta di pus nella tasca diverticolare), la peritonite ( che si verifica quando la parete della tasca diverticolare si rompe riversando il pus nella cavità addominale), le fistole ( tramiti anomali che si possono creare tra il colon e un altro organo o con la pelle in seguito a perforazione del diverticolo), l’ostruzione intestinale (conseguente allo sviluppo di briglie aderenziali che si sviluppano nel tempo dopo ripetuti attacchi di diverticolite).

La chirurgia di solito comporta la rimozione di un tratto del colon interessato dalla presenza dei diverticoli.

Categories : Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *